wp_head();

Adoc: “circa il 24% delle notizie sul Coronavirus che circolano in rete sono fake news”

Da una analisi delle notizie che circolano in rete nell’ultimo periodo l’Adoc evidenzia come circa il 24% delle notizie siano fake news.

“Siamo molto preoccupati a fronte della massiccia, crescente diffusione di disinformazione e fake news relative all’emergenza COVID-19. Notizie queste che non fanno altro che alimentare panico e paura nella popolazione” –                 le parole di Roberto Tascini, Presidente dell’Adoc. – “Da tempo siamo in prima linea a denunciare e ad affrontare questo fenomeno”.

Tascini continua esprimendo apprezzamento per l’istituzione della task force antibufale presso la presidenza del Consiglio dei Ministri in collaborazione con Agcom, Ministero della Salute, Protezione civile e per l’avviata collaborazione con i soggetti del web specializzati in fact-checking, i principali motori di ricerca e le piattaforme social.

“Condividiamo la scelta del Governo abbia risposto all’insidia dell’informazione che risulta essere pericolosa anche e soprattutto in questo periodo. Come apprezziamo il lavoro di siti internet che hanno fatto della ricerca della notizia e della fonte il loro mantra (butac.it, bufale.net; valigiablu.it; cicap.org; facta.news per citarne alcuni). Siamo anche inoltre soddisfatti della partnership di ANSA con EY che ha sviluppato – per prima in Italia nel mondo dell’editoria – un sistema di tracciatura di notizie ‘fonte ANSA’ basato su tecnologia Blockchain: da oggi, attraverso il bollino ‘ANSAcheck – Notizia di origine certificata’, è possibile verificare l’origine delle notizie provenienti dai notiziari  ANSA, siano esse presenti sulle piattaforme ANSA o distribuite ad altre testate editoriali o terze parti (social, altre piattaforme etc.).”- continua Tascini.

“Fermare le fake news è un dovere di tutti. Molte volte basta veramente poco, proviamo per esempio a inserire la notizia che vediamo su un qualsiasi motore di ricerca, potremmo facilmente smascherare la bufala e avere una spiegazione plausibile della realtà.” – conclude il Presidente dell’Adoc.

 

 

Condividi la notizia