wp_head();

Contraffazione, Antitrust apre istruttoria su 200 siti grazie a denuncia dell’Adoc

no image added yet.

Grazie ad una segnalazione dell’Adoc e di Indicam, Istituto Centromarca per la lotta alla contraffazione, l’Antitrust ha avviato una serie di istruttorie su quasi duecento siti per vendita online di prodotti contraffatti. Le informazioni diffuse sui siti oggetto dell’indagine non sono rispondenti al vero e hanno ingannato il consumatore inducendolo ad assumere una decisione di natura commerciale che diversamente non avrebbe preso. Trattandosi infatti di prodotti contraffatti presentati come originali si è generato un indebito condizionamento sul consumatore che, soprattutto in un periodo di profonda crisi economica, è portato a ritenere che si tratti di un prodotto originale. L’aspettativa di acquistare a basso costo un prodotto originale, che in realtà è un prodotto contraffatto, altera fortemente la capacità decisionale di un potenziale compratore che viene ingannato in merito alle caratteristiche dei prodotti offerti e conseguentemente alla garanzia sul prodotto e all’esercizio del diritto di recesso e di ripensamento.

La struttura dei siti, per la grafica utilizzata e per le immagini riprodotte, induce i visitatori ad effettuare transazioni economiche sul presupposto di acquistare su un sito originale, riconducibile ai diversi titolari dei marchi, potendo usufruire di un prezzo da outlet. Nelle segnalazioni è stato denunciato anche che la struttura dei siti avvalora la percezione dei visitatori che gli stessi siano direttamente riconducibili al titolare del marchio o siano comunque gestiti da un rivenditore ufficiale dei prodotti pubblicizzati, in quanto sono, tutti siti monomarca e già i nomi stessi dei siti sono di per sé idonei ad indurre in errore i visitatori. Inoltre, in tutte le home page scorrono in super le immagini e le foto tratte dai siti originali e si può accedere a tutto il catalogo 2015/2016 dei prodotti in vendita risparmiando rispetto al prezzo ufficiale dal 50% al 70%. I siti in questione, per come sono strutturati si presentano come degli outlet delle grandi marche che consentono di effettuare acquisti con diverse monete avvalorando così l’idea nei visitatori, che si tratti di operatori che sfruttando gli indubbi vantaggi derivanti dalla globalizzazione dei mercati consentono agli acquirenti di comprare i prodotti offerti in vendita a prezzi particolarmente convenienti.

Oltre a dichiarare, contrariamente al vero, di essere un distributore ufficiale dei vari brand, il sito utilizza illecitamente i relativi marchi senza aver ottenuto la necessaria autorizzazione. Vengono infine omesse informazioni sull’identificazione del professionista e di tutti i diritti del consumatore previsti nella fase post vendita.