wp_head();

Miele, con anagrafe delle api più tutele per salute consumatori

Anagrafe consentirà maggiori tutele per prodotti Made in Italy, rafforzata lotta alla contraffazione

E’ operativa da oggi l’anagrafe delle api, aperta a operatori delle Asl, aziende e allevatori, che garantirà la tracciabilità degli apiari e del miele a vantaggio della salute dei consumatori, tutelando maggiormente anche il lavoro degli apicoltori.

“Il via all’anagrafe delle api è un’ottima notizia, consentirà di tutelare al meglio i nostri prodotti e la salute dei consumatori, grazie alla tracciabilità del miele – dichiara Roberto Tascini, Presidente dell’Adoc – miele che è uno dei prodotti di eccellenza della nostra produzione agroalimentare. In Italia il giro d’affari del miele è di oltre 20 milioni di euro, disponendo di oltre un milione di alveari. E’ quindi necessario tutelare e rafforzare questo sistema, proteggendolo dalla contraffazione e dalla sofisticazione. Due condizioni di illegalità che, oltre a danneggiare pesantemente la produzione locale e di alta qualità, mettono a rischio anche la salute dei consumatori. Inoltre la nuova anagrafe permetterà agli operatori del settore di fronteggiare la crisi di questi ultimi anni, dove la produzione di miele italiano si è dimezzata, favorendo l’ingresso sul mercato di prodotti provenienti dall’estero, in particolare dall’Europa dell’Est e dall’Asia.”

L’Adoc ricorda che per acquistare miele italiano è bene verificare sempre l’etichettatura. La dicitura “Italia” deve essere obbligatoriamente presente sulle confezioni di miele raccolto interamente sul territorio nazionale mentre nel caso in cui il miele provenga da più Paesi dell’Unione Europea, l’etichetta deve riportare l’indicazione “miscela di mieli originari della CE”; se invece proviene da Paesi extracomunitari deve esserci la scritta “miscela di mieli non originari della CE”, mentre se si tratta di un mix va scritto “miscela di mieli originari e non originari della CE”.

Per maggiori informazioni sul miele e sulle sue proprietà vai QUI

 

 

 

Condividi la notizia